Vanessa Bryant rivela come le figlie l’hanno aiutata a superare il “dolore” dopo la morte di Kobe e Gianna

| |

In una rara intervista, Vanessa Bryant si apre su come sta affrontando il dolore di aver perso suo marito, Kobe, e la figlia, Gianna, in un incidente in elicottero.

Vanessa Bryant accredita le sue tre figlie – Natalia, 18, Bianka, 4 e Capri, 1 – aiutandola a superare la morte di suo marito, Kobe Bryante figlia, Gianna Bryant, 13. “Il dolore è inimmaginabile, ma devi solo alzarti e andare avanti”, ha ammesso Vanessa in una nuova intervista con Persone. “Stare sdraiato a letto a piangere non cambierà il fatto che la mia famiglia non sarà più la stessa, ma alzarsi dal letto e spingere in avanti renderà la giornata migliore per le mie ragazze e per me. Quindi è quello che faccio. “

Ha anche aggiunto che Natalia, Bianka e Capri l’hanno aiutata a “sorridere attraverso il dolore” nei 13 mesi trascorsi da quando Kobe e Gianna sono rimasti uccisi in un incidente in elicottero. Allo stesso tempo, Vanessa ha anche trovato “luce nell’oscurità” con l’aiuto di Kobe e Gianna. “Immagino che il modo migliore per descriverlo sia che Kobe e Gigi mi motivano ad andare avanti”, ha spiegato. “Mi ispirano a impegnarmi di più e ad essere migliore ogni giorno. Il loro amore è incondizionato e mi motivano in tanti modi diversi “.

vanessa kobe bryant
Vanessa e Kobe Bryant alla festa degli Oscar di Vanity Fair. (Shutterstock)

Pur continuando ad affrontare il suo dolore insormontabile, Vanessa non è stata solo forte per le sue ragazze, ma ha anche tenuto il passo con i progetti di passione che Kobe si è lasciata alle spalle. Vanessa ha continuato a dirigere la società multimediale della star dell’NBA, Granity Studios, e ha rilanciato la sua fondazione Mamba & Mambacita Sports, che aiuta a fornire pari opportunità ai giovani atleti. Nonostante il suo comportamento deciso, però, Vanessa deve ammettere che lotta ancora regolarmente.

vanessa kobe natalia gianna bryant
Vnessa e Kobe Bryant con Natalia e Gianna. (Shutterstock)

“Non posso dire di essere forte ogni giorno”, ha detto alla rivista. “Non posso dire che non ci siano giorni in cui mi sento come se non potessi sopravvivere al prossimo.” Kobe e Gianna sono rimasti uccisi quando l’elicottero su cui viaggiavano si è schiantato il 26 gennaio 2020. Stavano andando a una delle partite di basket di Gianna alla Mamba Academy di Kobe quando è avvenuto l’incidente. Anche gli altri sei passeggeri a bordo, così come il pilota, sono morti durante l’orribile incidente.

Precedente

Ari Fournier: 5 cose da sapere sulla modella avvistata che si tiene per mano con Cole Sprouse

Mantieni i tuoi capelli in condizioni ottimali con questi set di spazzole per capelli versatili

Successivo

Lascia un commento