Recensione di “Black Widow”: la storia di Natasha chiude il cerchio e sorge una nuova leggenda del MCU

‘Black Widow’ è valsa la pena aspettare. Il film chiude il libro sulla storia di Natasha con un emozionante capitolo finale, ma propone anche Florence Pugh come la prossima grande star del MCU.

La morte di Natasha Romanoff nel Avengers: Endgame fan della Marvel scioccati e rattristati. Il suo sacrificio su Vormir è stato una svolta sorprendente e una brusca fine per uno dei personaggi più amati del Marvel Cinematic Universe. L’unica donna dell’MCU nella formazione originale di Avengers ottiene il suo film standalone tanto atteso con Vedova Nera, nelle sale e su Disney+ il 9 luglio.

Vedova Nera avviene dopo Capitan America guerra civile e prima Avengers: Infinity War, quindi i Vendicatori sono ancora in conflitto l’uno con l’altro. Il film si tuffa in profondità nel passato oscuro e traumatico di Natasha come assassino addestrato. Natasha incontra la sua sorellina Yelena, che non è più così piccola. Ora è un’assassina addestrata e letale quanto sua sorella.

Scarlett Johansson
Scarlett Johansson come Natasha Romanoff. (Studi Marvel)

Le sorelle si riuniscono con il resto della loro “famiglia” di spie russe, che include Alexei/The Red Guardian e Melina. Insieme, la famiglia intraprende una missione per riparare ai torti del passato: sconfiggere il generale Dreykov e la misteriosa Stanza Rossa una volta per tutte.

Vedova Nera è pieno fino all’orlo di epiche sequenze d’azione e intense scene di combattimento corpo a corpo. Un combattimento particolare tra Natasha e Yelena è una sequenza brutale e avvincente. Vedova Nera è decisamente nella stessa vena di Capitan America: Il Soldato d’Inverno. Black Widow è un avvincente thriller di spionaggio con un’ancora emotiva al centro della storia.

Scarlett Johansson apre la strada come Natasha Romanoff. Natasha è sempre stata la più calma ed equilibrata dei Vendicatori. Vedova Nera dà le sue radici emotive che Scarlett abbraccia con disinvoltura. La relazione di Natasha con Yelena è la dinamica sorella di cui l’MCU aveva bisogno.

Firenze Pugh
Florence Pugh interpreta Yelena Bolova. (Studi Marvel)

Quando si tratta di Firenze Pugh, lei è dinamite MCU. Ruba la scena dal momento in cui entra sul grande schermo. Yelena ha il cuore in mano e non ha paura di dire a nessuno come si sente. È elegante e furtiva proprio come sua sorella maggiore, ma è anche più spontanea e amante dei rischi.

David Harbour si diverte come Alexei. Fornisce la maggior parte del sollievo comico e della leggerezza, ma condivide anche alcuni dei momenti emotivi chiave del film con Natasha e Yelena. La dinamica padre-figlia tra David e Florence è uno dei tanti momenti salienti del film. Rachel Weisz è una forza silenziosa nei panni della “madre” di Melina, Natasha e Yelena.

David Harbour
Scarlett Johansson, David Harbour e Florence Pugh in “Black Widow”. (Studi Marvel)

È molto chiaro in Vedova Nera che questo è il canto del cigno di Nat, e lei si assicura che sia memorabile. Scarlett sta dicendo addio a un personaggio che ha interpretato per un decennio, ma sta anche lasciando una bella strada a Florence. La storia di Natasha potrebbe essere finita, ma quella di Yelena è tutt’altro che finita. Yelena è una forza da non sottovalutare e l’MCU non sarà più lo stesso.

Lascia un commento

Este sitio web utiliza cookies para que usted tenga la mejor experiencia de usuario. Si continúa navegando está dando su consentimiento para la aceptación de las mencionadas cookies y la aceptación de nuestra política de cookies, pinche el enlace para mayor información.plugin cookies

ACEPTAR
Aviso de cookies