Mamma e papà di Britney Spears: tutto da sapere sui suoi genitori separati, Jamie e Lynne

Britney Spears ha un rapporto difficile con i suoi genitori, principalmente a causa della tutela che è stata recentemente interrotta. Ecco tutto quello che c’è da sapere sulla madre e il padre della pop star.

Britney Spears‘ il rapporto con i suoi cari è complicato, per non dire altro. La superstar 39enne ha ripetutamente chiamato papà Jamie Spears, 69 e mamma Lynne Spears, 66, per il loro coinvolgimento nella controversa tutela sotto la quale Britney è stata per 13 anni fino a quando non è stata interrotta da un giudice il 12 novembre. Brit, che è anche allontanata da sua sorella Jamie Lynn Spears, 30 e fratello Bryan Spears, 44 anni, ha anche detto che la sua famiglia “dovrebbe essere tutta in prigione” per le loro presunte azioni. Tuttavia, entrambi i genitori di Britney hanno affermato di aver sempre avuto a cuore gli interessi della loro famosa figlia, nonostante le prove indichino il contrario. Di seguito, tutto ciò che devi sapere su Jamie e Lynne Spears.

Lynne e Jamie Spears
Lynne & Jamie Spears nel settembre 2004 (Foto: Peter Brooker/Shutterstock)

Il padre di Britney Spears, Jamie Spears

Il padre di Britney è James “Jamie” Spears, nato il 6 luglio 1952 a Kentwood, in Louisiana. Jamie ha avuto un’infanzia molto difficile. Sua madre, Emma Jean Spears, si è suicidato quando aveva appena 13 anni. Secondo Il New York Times, Jamie è stato arrestato all’età di 22 anni per droga e guida in stato di ebbrezza. Jamie è stato sposato due volte: la prima con Debbie Sanders Cross, dal 1972 al 1975, e poi a Lynne, dal 1976 al 2002. La coppia ha dato il benvenuto al loro primo figlio, Bryan, nel 1977, ma Lynne ha chiesto il divorzio (oltre a un ordine restrittivo temporaneo) nel 1980. Tuttavia, la coppia si sono riconciliati e hanno avuto altri due figli: la figlia Britney, nata nel 1981, e la figlia Jamie Lynn, nata nel 1991. Jamie e Lynne alla fine hanno divorziato nel 2002.

Jamie ha visto Britney diventare famosa in tenera età dopo essere apparsa in Il Club di Topolino. Brit ha firmato con la Jive Records nel 1997 all’età di 15 anni, il che l’ha portata a pubblicare i suoi primi due album. Durante questo periodo, Jamie ha lottato con l’alcolismo e nel 2004 è andato in riabilitazione per volere di Britney. In seguito tornò a casa, apparentemente sobrio. Nel gennaio 2008, la fama mondiale ha ufficialmente preso il sopravvento su Britney, e ha subito un esaurimento nervoso molto pubblico. È stata posta sotto una tutela legale ordinata dal tribunale guidata da Jamie e dall’avvocato Andrew Portafoglio. Questo ha dato loro il controllo completo sui beni di Brit. Per il decennio successivo, Britney rimase sotto la tutela mentre pubblicava più album, si esibiva in tournée in tutto il mondo e lavorava come giudice su X Factor. Nel gennaio 2019, Britney è andata in pausa dalla sua residenza a Las Vegas dopo che Jamie ha subito una rottura del colon che lo ha quasi ucciso. Due mesi dopo, Andrew si è dimesso da co-conservatore del patrimonio del cantante. Successivamente, Britney è entrata in una struttura di salute mentale in mezzo ai problemi di salute di Jamie. Ma la preoccupazione ha cominciato a sorgere per il controllo di sua figlia da parte di Jamie, e questo ha scatenato il movimento #FreeBritney.

Jamie Spears
Jamie Spears (Foto: BroadImage/Shutterstock)

Il movimento #FreeBritney ha sostenuto il rilascio di Britney dalla struttura, con il sospetto che Jamie stesse trattenendo la superstar contro la sua volontà. Nel maggio 2019, il giudice Brenda Penny ha ordinato una valutazione della tutela. Più tardi quell’anno, Jodi Montgomery è stato nominato conservatore personale di Britney, mentre Jamie è rimasto il conservatore della tenuta, fino a quando Fiducia di Bessemer ha iniziato a dividere i compiti con lui nel novembre 2020. La tutela di Britney è diventata una notizia mondiale dopo il documentario Inquadrare Britney Spears è stato rilasciato da Hulu/FX nel febbraio 2021. Britney ha cercato di porre fine alla tutela e in un’udienza del tribunale del giugno 2021, Britney ha accusato suo padre di “abuso di tutela”. La cantante di “Toxic” ha affermato che Jamie le stava impedendo di sposarsi Sam Asghari o rimuovere uno IUD per avere un bambino. Ha anche paragonato il suo lavoro forzato sotto la tutela al traffico sessuale e ha detto che Jamie “amava” avere il controllo su di lei. Jamie ha negato tutte queste accuse.

Britney è stata in grado di assumere il proprio avvocato nel luglio 2021 e ha presentato rapidamente una petizione per rimuovere Jamie. Jamie ha accettato di dimettersi nell’agosto 2021 e ha presentato ufficialmente una petizione per porre fine alla tutela il mese successivo. Il 29 settembre, Jamie è stato sospeso come conservatore del patrimonio di sua figlia e la tutela è stata terminata completamente nel novembre 2021. Da allora, Britney ha chiarito che non vuole avere alcuna relazione con suo padre. “Onestamente mi fa ancora impazzire ogni giorno che mi sveglio come la mia famiglia e il conservatore siano stati in grado di fare ciò che mi hanno fatto… è stato demoralizzante e degradante!” ha detto su Instagram il 17 novembre. Nello stesso post, ha detto che la sua famiglia dovrebbe essere incarcerata per il loro coinvolgimento nella tutela.

La madre di Britney Spears, Lynne Spears

Britney e Lynne Spears
Britney & Lynne Spears nell’agosto 2013 (Foto: Nick Ut/AP/Shutterstock)

La madre di Britney è Lynne Irene Bridges, nata il 4 maggio 1955 a Magnolia, Mississippi. Lynne ha sposato Jamie nel 1976 e insieme hanno avuto tre figli. Ha gestito un asilo nido in Louisiana e in seguito ha lavorato come insegnante di scuola. Mentre Britney aveva 8 anni, Lynne portò la figlia maggiore ad Atlanta per un provino per Il Club di Topolino. Britney non ha ottenuto il concerto allora, ma Lynne ha continuato a supportare sua figlia in opportunità future, il che ha permesso a Britney di entrare nell’industria musicale. Presto, Lynne ha visto sua figlia diventare una star mondiale! Nel 2000, Lynne e Britney si sono uniti per creare Cuore a cuore, un libro autobiografico sulla vita di Britney. Hanno anche co-scritto un romanzo del 2001 intitolato Un regalo di mamma che è stato adattato in un film per la TV. Nel 2008, quattro anni dopo che Lynne aveva ufficialmente divorziato da suo marito, Britney ha avuto un esaurimento nervoso che ha portato all’istituzione della tutela. Lynne ha dettagliato il crollo di Britney, così come la gravidanza adolescenziale di Jamie Lynn e altro, nel suo libro di memorie del 2008, Attraverso la tempesta: una vera storia di fama e famiglia in un mondo tabloid.

Una volta che Britney e il suo team legale hanno iniziato a lottare per rimuovere Jamie dalla tutela, Lynne ha condiviso il suo sostegno per sua figlia. Lynne ha affermato nel luglio 2021 in un tribunale che la relazione padre-figlia “si è ridotta a nient’altro che paura e odio”. La matriarca di famiglia ha anche affermato di essere entrata a far parte della tutela nel maggio 2019 durante un “tempo di crisi” perché voleva “assicurare che tutto nella vita di mia figlia fosse gestito nel migliore interesse di mia figlia”. Tuttavia, Britney ha pubblicamente criticato sua madre, proprio come Jamie, per il suo presunto coinvolgimento nella tutela. Dieci giorni prima dello scioglimento della tutela, la cantante accusò Lynne di aver dato a Jamie l’idea della tutela all’epoca. Dopo la fine della tutela, Britney ha criticato Lynne su IG e ha detto che la sua famiglia “dovrebbe essere tutta in prigione” per “le cose cattive” che le hanno fatto – “compresa la mia mamma che va in chiesa!!!”

È evidente che né Jamie né Lynne hanno una relazione con Britney, che si è fidanzata con Sam Asghari. Inoltre, non è chiaro se l’ex coppia vede i due figli di Brit. Jamie e Lynne hanno altri tre nipoti: due di Jamie Lynn e uno di Bryan.

Precedente

Madonna, 63 anni, camicia a rete Rocks e giacca di pelle in nuove foto feroci

Sneak Peek degli anni ’20: Hattie chiede a Idina di uscire e vuole conoscerla in un “modo più profondo”

Successivo

Lascia un commento

Este sitio web utiliza cookies para que usted tenga la mejor experiencia de usuario. Si continúa navegando está dando su consentimiento para la aceptación de las mencionadas cookies y la aceptación de nuestra política de cookies, pinche el enlace para mayor información.plugin cookies

ACEPTAR
Aviso de cookies