Malikah Shabazz: 5 cose da sapere sulla figlia di Malcolm X, 56 anni, trovata morta nella sua casa

La più giovane delle sei figlie di Malcolm X è morta. Malikah Shabazz è morta nella sua casa di Brooklyn all’età di 56 anni. Ecco cosa sappiamo finora.

Malikah Shabazz, la figlia di attivista per i diritti civili Malcom X, morto lunedì sera (22 novembre), secondo NBC New York. I funzionari della polizia di New York hanno detto allo sbocco che Malikah, 56 anni, è stata scoperta priva di sensi e non reattiva all’interno della sua casa sulla East 28th Street a Midwood, un quartiere di Brooklyn. In seguito è stata dichiarata morta. Mentre la causa della morte deve ancora essere determinata, il medico legale della città è intervenuto sulla scena e ha affermato che l’incidente non era sospetto, secondo la NBC New York.

La straziante notizia è stata rimpianto da Bernice King, una figlia del compianto Il dottor Martin Luther King Jr. “Sono profondamente rattristato dalla morte di #MalikahShabazz”, twittato Re. “Il mio cuore è con la sua famiglia, i discendenti della dottoressa Betty Shabazz e Malcolm X. La dottoressa Shabazz era incinta di Malikah e di sua sorella gemella, Malaak, quando il fratello Malcolm fu assassinato. Stai in pace, Malikah.» Mentre il mondo piange la perdita e le autorità scoprono cosa è successo, ecco cosa sapere su Malikah.

(Andrew Theodorakis/TNS/Newscom/The Mega Agency)

1. Malikah Shabazz era uno dei tanti figli di Malcolm X.

Prima che Malcolm X fosse assassinato nel febbraio 1965, aveva sei figli con sua moglie, Betty Shabazz. Erano tutte figlie: Attallah Shabazz, 63, Qubilah Shabazz, 60, Ilyasah Shabazz, 59, Gamilah Lumumba Shabazz, 57, Malaak Shabazz, 56 e Malikah Shabazz.

Purtroppo, Betty è morta nel 1997 all’età relativamente giovane di 61 anni, dopo aver subito ustioni di terzo grado sull’80% del suo corpo, secondo CNN. “Milioni di persone si rivolgono a lei per un qualche tipo di comprensione della storia della lotta”, ha detto l’attivista e poeta nero Amiri Baraka al tempo. “È la moglie di uno dei più grandi leader afroamericani della storia”.

2. Malikah ha una sorella gemella.

Malikah e Malaak sono nati il ​​30 settembre 1965. I gemelli erano gli ultimi figli di Malcolm e Betty, nati sette mesi dopo la morte del padre. Malaak ha seguito le orme di Malcolm diventando un attivista per i diritti umani. Nel 2015 è stata invitata a Parigi dal Consiglio di rappresentanza delle associazioni nere per parlare dell’eredità di suo padre, per Francia 24.

“Mio padre portava la sua religione nella tasca posteriore. Non lo ha imposto a nessuno… Era molto musulmano, ma era anche nero. [In the United States], significava qualcosa”, ha detto. “Francamente, non credo che le cose andrebbero così male se fosse ancora vivo. Era un avvocato in ogni paese. Se ne ha sentito parlare, era lì. Penso che oggi sarebbe il Mandela, il Kofi Annan, che hanno chiamato. Non c’è davvero nessuno per farlo. Ma era sua passione assicurarsi che l’ingiustizia fosse ascoltata”.

3. Si è scontrata con le sue sorelle.

Nel 2011, Malikah, attraverso il suo avvocato, ha accusato le sue sorelle, Ilyasah e Malaak Shabazz, e il loro ex avvocato di aver speso i soldi della proprietà della madre “su se stessi, consentendo allo stesso tempo a proprietà e altri beni immobiliari di languire e di aumentare il carico fiscale”, secondo Il New York Times. L’avvocato di Ilyasah e Malaak ha accusato l’avvocato di Malikah di prolungare la disputa sulla proprietà, dicendo che “lei “ha avvelenato il pozzo e ha tentato di impedire che la questione si chiudesse e che Malikah comunicasse e cooperasse”.

Il primo scontro pubblico tra le sorelle avvenne nel 2002, dopo che una collezione di oggetti di Malcolm X si presentò a Butterfields, la casa d’aste di San Francisco. Malikah è stato accusato di aver portato alcuni degli scritti inediti di Malcolm in Florida senza permesso. Presumibilmente li teneva in un magazzino, ma dopo essere rimasta indietro con l’affitto, gli oggetti sono stati sequestrati e messi all’asta.

4. Anche Malikah si scontrò con la legge.

Malikah è stata condannata a cinque anni di libertà vigilata nel 2011 dopo aver dichiarato furto di identità di primo grado, secondo BACIO Richmond. Procuratore distrettuale Richard Brown accusò Malikah di “predare la natura fiduciosa” di Khaula Bakr, un’amica di famiglia e vedova di una delle ex guardie del corpo di Malcolm X. Malikah è stato accusato di aver aperto una carta di credito a nome di Bakr e di aver accumulato $ 55.000 di debiti sulla carta di credito. Le è stato ordinato di restituire i soldi o rischiare sette anni di carcere.

Lei e sua figlia, Bettih Bahiyah Shabazz, sono stati anche arrestati nel 2017, secondo a ABC News WJLA. I due sono stati scoperti in un parcheggio Wal-Mart, e quando le autorità hanno aperto il camion, hanno trovato sette cani chiusi in casse. Oltre ad essere accusato di aver rubato il camion, Malikah è stato colpito da sette reati di abuso o abbandono di animali.

5. Morì pochi giorni dopo che due degli assassini di Malcolm X furono scagionati.

Malikah è nato dopo che tre uomini armati hanno sparato e ucciso Malcolm X all’Audubon Ballroom di Harlem. Mujahid Abdul Halim, formalmente conosciuto come Talmadge Hayer, ha confessato l’omicidio ma ha rifiutato di nominare gli altri aggressori. Ha detto che gli altri due uomini sono stati arrestati e condannati per l’omicidio… Muhammad A. Aziz e Khalil Islam – erano innocenti. Gli uomini, precedentemente noti come Norman 3X maggiordomo e Thomas 15X Johnson, ha trascorso più di 20 anni in prigione.

Dopo un’indagine di 22 mesi da parte dell’ufficio del procuratore del distretto di Manhattan, i due sono stati scagionati il ​​18 novembre, secondo Il New York Times. L’indagine ha scoperto che i pubblici ministeri, il NYPD e l’FBI hanno trattenuto prove vitali che avrebbero portato alla loro assoluzione.

Precedente

Rihanna uccide in lingerie e calze viola scuro mentre è nella “lista dei cattivi” per Savage X Fenty

Anteprima di ‘Teen Mom: Young & Pregnant’: Kayla Sessler scopre di essere di nuovo incinta — Guarda

Successivo

Lascia un commento

Este sitio web utiliza cookies para que usted tenga la mejor experiencia de usuario. Si continúa navegando está dando su consentimiento para la aceptación de las mencionadas cookies y la aceptación de nuestra política de cookies, pinche el enlace para mayor información.plugin cookies

ACEPTAR
Aviso de cookies