Lit spiega perché “è bello essere degli anni ’90” mentre si riflette sulla serie di podcast “My Own Worst Enemy”

Mentre discutono del loro docu-pod, i fratelli Ajay e Jeremy Popoff della rock band Lit dicono a HL perché coloro che odiavano gli anni ’90 ora dicono che il decennio è stato bello.

Il rock n’ roll è morto? Anche se non sono stati realizzati nuovi album rock o metal Cartelloni classifica di fine anno per il 2021, i rapporti sulla morte del rock sono molto esagerati – almeno, per la band degli anni ’90 Illuminato. “Penso che stia succedendo una cosa interessante in questo momento”, afferma il cantante Ajay Popoff, quando lui e il chitarrista della band – fratello Jeremy Popoff – ha parlato ESCLUSIVAMENTE a HollywoodLife di Il mio peggior nemico, il podcast con Osiride Media.

La docuserie retrospettiva in quattro parti sul successo definitivo del gruppo aveva Ajay, Jeremy e il bassista Kevin Baldes guardare indietro a quando la loro canzone “My Own Worst Enemy” potrebbe diventare un inno che definisce la generazione… e vedono molte somiglianze nel panorama musicale di oggi.

“Un sacco di [music] l’uscita suona fresca e nuova, ma è molto influenzata dalla fine degli anni ’90, primi anni 2000”, afferma Ajay. “Che si tratti di punk-pop, emo, solo quella roba, sta tornando. Alcuni di questi sono già diventati mainstream con like Mitragliatrice Kelly e Mod Sole – mi sembra molto pop-punk.” Jeremy, che ha passato gli ultimi tre decenni a suonare la sei corde principale nei Lit, è stato subito d’accordo.

“Le chitarre stanno tornando”, dice HollywoodLife con entusiasmo. “Il rock sta tornando. È bello essere anni ’90. Cinque, dieci anni fa, la gente lanciava quel termine quasi come “Sei una band degli anni Novanta”. Quindi, vattene. Muori già». Ora, è come, ‘Wow. Merda. Gli anni ’90 sono stati fantastici.’”

Questo non è solo un discorso nostalgico rosato. Artisti come beabadoobee, BLACKSTARKIDS, Kenny Hoopla, Tai Verdes, Incontrami all’altare, Sueco, Gli OBGM, nipote, Inhaler, Mammoth WVH, Bones UK, Dirty Honey, e midi nero sono solo alcune delle band e degli artisti che di recente si sono fatti notare, pubblicando musica che incorpora con orgoglio elementi di rock e punk. Pensando al motivo per cui il rock anni ’90 sta tornando, Jeremy dice che c’è qualcosa di “sonicamente” che manca alla musica moderna, e GenZ è affamata di qualcosa di diverso.

“È così facile registrare a casa con il tuo laptop”, spiega, “e così i ragazzi stanno registrando le chitarre, ma in realtà lo stanno suonando su una tastiera tramite un plug-in e quant’altro. Considerando che eravamo abituati a mettere il microfono nel posto giusto e ad appendere le coperte sul cabinet e creare tunnel e solo cercare di trovare quel suono di chitarra. E microfonare la batteria attraverso un PA dal vivo e poi microfonare quel PA per cercare di ottenere questo suono di batteria pazzesco”.

“Ed è probabilmente uno dei motivi per cui, quando senti un nuovo Foo Fighters canzone alla radio, non suona come qualcosa di diverso da quello che i Foos non hanno già fatto”, continua. “Ma suona diverso da tutto il resto alla radio perché sai che erano lì a fare esattamente questo. Stavano trovando quel suono di rullante, e sai che stavano modificando gli amplificatori e prendendo in prestito merda e facendo tutto il possibile per provare a fare un album rock. E penso che su questo torneremo”.

“La mia previsione, proprio come la previsione della rock band, ma questo documentario sui Beatles [Pete Jackson’s Get Back] farà rivivere la passione delle persone per la registrazione e per trovare il suono giusto e la canzone giusta,” dice Jeremy. “Penso che sarà un po’ un punto di svolta, quel documentario perché le persone vorranno registrare di nuovo dal vivo e tornare in una stanza insieme con roba collegata e microfonata e tutto il resto”.

Lit si troverà anche a beneficiare di un documentario. Nei quattro episodi di Il mio peggior nemico, il podcast, gli ascoltatori seguono la band nel suo viaggio dalla lotta per mettere benzina in una vecchia Cadillac scassata alla scrittura, registrazione e pubblicazione di una canzone che avrebbe superato Cartelloni Classifica Rock moderno per 11 settimane. Anche i successivi singoli “Zip-Lock”, “Miserable” e “Lipstick and Bruises” sono entrati in classifica ma non sono riusciti a replicare il gigantesco successo di “My Own Worst Enemy”. Il podcast esamina anche come la band si è orientata di fronte ai cambiamenti esterni e interni, portando al trasferimento a Nashville e a un tuffo nel mondo rurale. Tutto culmina in una rivelazione su come Lit – come la canzone da cui prende il nome la serie – ha resistito.

“Ci è stato chiesto di fare un documentario, e potrebbe ancora finire per essere quello, ma poi è stata presa la decisione su [making it into a] podcast”, afferma Jeremy. “Non abbiamo avuto molto a che fare con questo. Non abbiamo avuto nulla a che fare con la produzione o addirittura– sono rimasto scioccato dal fatto che alcune delle persone che vengono intervistate lì perché nessuno mi ha contattato per i numeri di telefono di nessuno. Sono appena usciti là fuori come 60 minuti stile e ha appena rintracciato tutti.”

Ajay Popoff nel 2018 (Rmv/Shutterstock)

“È stato bello ascoltarlo per la prima volta, senza sapere cosa avremmo sentito”, afferma Ajay. “Ovviamente, siamo stati intervistati, ma la parte più divertente è ascoltare ciò che altre persone e colleghi hanno da dire sulla band e sulla canzone”.

Uno dei cameo più sorprendenti? “Non sapevo che avessero parlato con Tagliatelle da The Offspring”, dice Ajay. “Abbiamo fatto un tour con quei ragazzi e siamo amici con loro. Sono solo ragazzi fantastici. Mi fa ancora venire in mente che siamo andati in tour con quella band e che lui sa davvero chi siamo. Questo mi fa ancora impazzire”.

Jeremy Popoff e Ryan Gillmor nel 2018 (Rmv/Shutterstock)

Anche Jeremy si è meravigliato di come Il mio peggior nemico, il podcast chiacchierato con Cheryl Gehbauer, capo della strategia musicale per Harmonix, l’azienda dietro il Rock band franchising di videogiochi. Ha accreditato il videogioco – Gruppo rock 2 è arrivato con “My Own Worst Enemy” – per aiutare a rafforzare la popolarità della canzone. “Ho sentito quando Rock band è uscito perché, all’epoca, il rock and roll ha iniziato a perdere le chitarre”, dice. “La radio rock ha smesso di suonare band con la chitarra a meno che non fosse roba ricorrente come noi e The Offspring, Blink-182, qualunque cosa. Ma stavano uscendo nuove cose, e stava iniziando a diventare davvero alternativo, e quasi come suonava il rock del college.”

“Non c’erano più chitarre nel rock and roll, quindi ricordo di essermi sentito davvero, quasi senza speranza. ‘Chi ispirerà la prossima generazione a volere una Stratocaster per Natale?’ O vogliono appendere un poster sulla parete della loro camera da letto? Che cosa accadrà?” chiede Jeremy. “Poi esce questo videogioco e io dico: “Oh, merda. Bene.” E quando abbiamo avuto l’opportunità di farne parte, ero tipo, ‘Ecco come colmiamo questo divario con la prossima generazione.’”

Lit si collegherà con la prossima generazione direttamente con il loro prossimo album. Il primo singolo, “Si si si“, è arrivato a novembre, offrendo tre minuti di rock moderno (con una spruzzata di cadenza country nei testi). “Penso che ‘Yeah Yeah Yeah’ sia probabilmente il… voglio dire, l’intero disco è sicuramente molto più di un disco rock”, dice Ajay. “Questo è il maggior numero di palle dal muro. Era un po’ come, ‘Ehi. Volevamo lanciare una roccia e volevamo far sapere alla gente che siamo tornati. È tornato a dondolare.’”

Jeremy ha aggiunto che il prossimo album spera di riportare un’atmosfera dagli anni ’90, quando le cose erano “fredde” e fresche. “Non volevamo parlare di virus”, dice. “Non volevamo parlare di politica. Volevamo solo fare un disco che potevi mettere su e, si spera, ricordarti di un tempo in cui non si parlava solo di politica e virus. Parla di nuovo dei pulcini. E parla dell’innamoramento o della rottura o della rottura del tuo cuore o delle feste con i tuoi amici e tutte quelle cose”.

Tali atteggiamenti hanno definito la seconda metà degli anni ’90, e quello spirito è vivo e vegeto. Almeno, è ogni volta che qualcuno gioca a “My Own Worst Enemy”, che sia in una partita sportiva locale, su Rock band, durante la serata karaoke con i tuoi colleghi o quando una band locale illumina il retro di un bar con il lick di apertura della canzone. “My Own Worst Enemy” è una di quelle canzoni che ha trasceso decenni e continuerà a resistere anche in futuro. Il mio peggior nemico, il podcast esamina il motivo per cui questa canzone ha catturato l’illuminazione in una bottiglia, ma Jeremy pensa che il vero messaggio della docuserie non sia così complicato.

“Inevitabilmente è finita per essere la storia di quattro ragazzini di Orange County che semplicemente… [were] golosi per punizione e non accetterebbero un no come risposta”, dice. “E hanno continuato a combattere, combattere e combattere fino a quando, un giorno, ci hanno lanciato le chiavi della Ferrari e hanno detto: ‘Andate a divertirvi.'”

Lascia un commento

Este sitio web utiliza cookies para que usted tenga la mejor experiencia de usuario. Si continúa navegando está dando su consentimiento para la aceptación de las mencionadas cookies y la aceptación de nuestra política de cookies, pinche el enlace para mayor información.plugin cookies

ACEPTAR
Aviso de cookies