Justin Bieber twitta e cancella “Love” per l’album di Morgan Wallen: “Non ne avevo idea”, ha detto “Commenti razzisti”

| |

Justin Bieber si è scusato pubblicamente dopo aver supportato la musica di Morgan Wallen su Twitter, in seguito allo scandalo razziale del cantante country all’inizio di quest’anno.

Justin Bieber, 27 anni, fa marcia indietro sul suo sostegno per Morgan Wallen, 28 anni, dopo aver apparentemente appena appreso della precedente controversia razziale del cantante country. Il 4 agosto, il crooner di “Baby” ha preso fuoco sui social media dopo essersi complimentato per l’ultimo album di Morgan, Pericoloso: il doppio album, uscito a gennaio. “Adoro questo album”, ha scritto Justin su Twitter, secondo PopCrave. Ma poco dopo, secondo quanto riferito, Justin ha cancellato il tweet quando i fan hanno criticato la pop star per aver sostenuto Morgan, che ha usato un insulto razzista in un video trapelato a febbraio.

Justin Bieber e Morgan Wallen
Justin Bieber; Morgan Wallen

Apparentemente Justin non era a conoscenza della grande controversia che ha coinvolto Morgan e si è scusato sulle sue storie di Instagram. “Non avevo idea che la musica del ragazzo che ho postato fosse stata recentemente trovata con commenti razzisti, come sai che non sostengo o tollero alcun tipo di razzismo o discriminazione. Non ne avevo idea, mi scuso sinceramente con chiunque abbia offeso”, ha scritto Justin.

Nella sua successiva IG Story, Justin ha continuato a scusarsi e ha persino riconosciuto di aver detto “barzellette razziste molto dolorose” quando era più giovane, probabilmente riferendosi alla parodia razzista del 2009 della sua canzone “One Less Lonely Girl”, che è trapelata anni dopo. “Ho ferito molte persone, specialmente i neri nella mia vita, ma ho avuto la fortuna di farmi educare sull’orribile origine della parola n”, ha scritto Justin. “Questo riporta alla luce quei ricordi dolorosi, mi prenderò sempre la responsabilità della mia ignoranza e del mio passato perché so di non essere quella persona”. Ha continuato dicendo: “Ho molto di più da imparare e sono grato ai miei fratelli e sorelle neri per essere stati pazienti con me perché ho molta strada da fare”.

Morgan Wallen
Morgan Wallen alla 54a edizione dei CMA Awards nel novembre 2020 (Foto: Shutterstock)

Le scuse di Justin arrivano sei mesi dopo che lo stesso Morgan ha espresso rammarico per aver usato la parola n mentre era fuori dalla sua casa di Nashville con gli amici il 31 gennaio. TMZ ha fatto trapelare un video di Morgan che diceva l’offesa razziale due giorni dopo, e la superstar del paese è stata abbandonata da la sua etichetta discografica e agenzia di talenti, ritenuta non ammissibile per molti prestigiosi spettacoli di premi musicali della contea, e la sua musica è stata rimossa da più stazioni radiofoniche. Morgan si è scusato in quel momento, ma il danno era chiaramente fatto. Tuttavia, le vendite della musica di Morgan in realtà sono quadruplicate dopo lo scandalo, per Yahoo! Soldi.

Morgan alla fine ha affrontato la controversia su Buon giorno America il 23 luglio. Durante l’intervista, il cantante di “7 Summers” ha dichiarato di non aver pronunciato l’insulto “spesso” in passato e di “non intenderlo affatto, in alcun modo dispregiativo”. Morgan ha anche rivelato di essersi sottoposto a riabilitazione dopo lo scandalo. “Per 30 giorni ho passato un po’ di tempo a San Diego, in California – sai, solo cercando di capirlo, ‘perché mi sto comportando in questo modo? Ho un problema con l’alcol? Ho un problema più profondo?’ ” Egli ha detto.

Precedente

Trailer di ‘He’s All That’: i fan impazziscono per il ritorno di Matthew Lillard e Rachael Leigh Cook

I figli di Julia Roberts: incontra i vincitori dell’Oscar 3 adolescenti, Hazel, Henry e Phinnaeus

Successivo

Lascia un commento

Este sitio web utiliza cookies para que usted tenga la mejor experiencia de usuario. Si continúa navegando está dando su consentimiento para la aceptación de las mencionadas cookies y la aceptación de nuestra política de cookies, pinche el enlace para mayor información.plugin cookies

ACEPTAR
Aviso de cookies