Il co-conservatore di Britney Spears si ritira dopo la sua testimonianza: “Rispettiamo i suoi desideri”

La società che funge da co-conservatore di Britney Spears si è ritirata dall’accordo, dopo la testimonianza emotiva di Britney.

Bessemer Trust, la società che co-gestisce Britney Spears’, 39, conservatore, si è ritirato dall’accordo giovedì 1 luglio, dopo che il cantante pop ha dato una testimonianza commossa chiedendo di essere liberato dal conservatorio. La società di gestione patrimoniale privata ha affermato di “rispettare” la richiesta di Britney di essere tolta dalla tutela. “A seguito della testimonianza del conservatore all’udienza del 23 giugno, tuttavia, l’istante è venuta a conoscenza del fatto che il conservatore si oppone alla continuazione del suo mandato e desidera porre fine al conservatorio. La firmataria ha ascoltato il conservatore e rispetta i suoi desideri”, ha affermato la società in un deposito giudiziario, via Il New York Times.

Bessemer è stato il co-conservatore del patrimonio di Britney dal novembre 2020. L’azienda è stata nominata co-conservatore insieme al padre di Britney. Jamie Spears, 68, dopo che Jamie ha affrontato problemi di salute. Britney ha dato una sincera testimonianza a un giudice della Corte Superiore di Los Angeles il 23 giugno. Britney ha definito la tutela “abusante” e ha paragonato suo padre a un trafficante di sesso durante il discorso emotivo. Giudice Brenda J. Penny mercoledì 30 giugno ha negato la richiesta della cantante di rimuovere suo padre come conservatore.

Uno dei co-conservatori di Britney ha chiesto di ritirarsi dalla sua tutela. (otturatore)

Con Bessemer che cerca di dimettersi dalla tutela, potrebbe complicare ulteriormente la lotta di Britney per sfuggire al controllo di suo padre. Britney dovrà probabilmente mostrare prove mediche per dimostrare che non ha più bisogno di un avvocato di alto livello di conservazione a New York Michael Stutman detto HollywoodLife in un’intervista del 25 giugno Potrebbe anche dimostrare che “qualunque fossero le condizioni che hanno sostenuto la nomina del conservatore 13 anni fa, non esistono più”, secondo l’avvocato. A febbraio, Michael ha detto HollywoodLife che Britney avrebbe dovuto presentare prove che mostrano “cattiva condotta” o “cattive decisioni” da parte di Jamie per rimuoverlo come suo tutore.

Dopo che Britney ha parlato di voler lasciare la sua tutela, ha detto una fonte a lei vicina HollywoodLife che era “sollevata” di aver finalmente avuto la possibilità di “dire la sua verità”. Britney è nel conservatorio dal 2008, ma la cantante di “Toxic” sta cercando di uscirne da un po’ di tempo. Il suo avvocato d’ufficio, Samuel Ingham, ha presentato documenti nel novembre 2020 per cercare di rimuovere Jamie come custode di sua figlia.

Lascia un commento

Este sitio web utiliza cookies para que usted tenga la mejor experiencia de usuario. Si continúa navegando está dando su consentimiento para la aceptación de las mencionadas cookies y la aceptación de nuestra política de cookies, pinche el enlace para mayor información.plugin cookies

ACEPTAR
Aviso de cookies