Francesca Hong spiega perché la pandemia l’ha ispirata a candidarsi: “Molto viene dal dolore”

| |

Dopo aver visto come la pandemia ha devastato l’industria dell’ospitalità, la chef, la proprietaria del ristorante e la rappresentante dell’Assemblea statale del Wisconsin Francesca Hong era pronta a candidarsi – e vincere – nel 2020.

Per Rep. Francesca Hong, è stata una naturale progressione dalla gestione di un ristorante – Morris Ramen a Madison, Wisconsin – alla candidatura per l’Assemblea statale del Wisconsin. “Il cibo è intrinsecamente politico”, ha detto Hong HollywoodLife in un’intervista ESCLUSIVA. “Penso che la politica sia in realtà abbastanza onnipresente nella maggior parte delle nostre comunità. Avendo sperimentato sia i paradigmi che il processo decisionale, sono arrivato a capire che si tratta di dinamiche di potere e della necessità di apportare cambiamenti sistemici “.

È stata la pandemia COVID-19 e il modo in cui ha influenzato la sua comunità che ha influenzato Hong, che è stata eletta nel novembre 2020 come rappresentante del 76 ° distretto dell’Assemblea statale del Wisconsin, per entrare in politica. “Onestamente, la pandemia ha avuto un ruolo importante nel motivarmi a correre [for office]”, Ha spiegato Hong. “Penso che molto venga fuori dal dolore, e non sono una persona che ha avuto molta esperienza con il dolore. E quando la pandemia ha colpito abbiamo dovuto chiudere il nostro ristorante e abbiamo temuto per il sostentamento del nostro personale e per la salute della mia comunità. Semplicemente non vedevamo il tipo di leadership che secondo me le nostre comunità meritavano “.

Credeva che gli elettori “risuonassero” davvero con un candidato che è “un piccolo imprenditore, un proprietario di un ristorante, uno chef, una mamma e un organizzatore”. Hong vide “che le persone stavano davvero lottando per vedere il bene negli altri, e penso che volevo correre come una persona che è stata molto motivata dalla comunità e orientata, per svolgere un ruolo nella politica statale che è stata incredibilmente polarizzante e dannosa”.

Francesca Hong
Francesca Hong (foto di Greg Anderson)

Hong è un’attivista e un’organizzatrice devota che ha usato il suo background culinario per co-fondare il Collettivo culinario femminile (CLC) con i colleghi Tami Lax e Laila Borokhim nel 2016. Il CLC fornisce supporto, tutoraggio, raccolta fondi e formazione per chef donne e non binari. Non è solo sessismo. Il razzismo dilaga anche nel mondo della ristorazione, dice Hong, qualcosa che ha tenuto a mente mentre lavora nella capitale del Wisconsin. “Penso che ci siano discrepanze che si riflettono sia nel settore dell’ospitalità che nella politica”, ha detto HollywoodLife.

“Se pensiamo alla struttura dei ristoranti, soprattutto al potere tra lavoratori e ristoratori. Questa struttura è radicata nella supremazia bianca e nel razzismo. Se guardi da dove provengono le mance, se stai guardando chi sta preparando il cibo contro chi riceve e ha accesso a quell’esperienza “.

Ora che è nell’Assemblea statale del Wisconsin, Hong lavora giorno e notte per fornire sollievo in caso di pandemia ai suoi elettori. “In termini di lotta contro gli sfratti, ci siamo battuti perché le piccole imprese ricevessero soccorso. È stato a livello federale e statale, e ora nella contea. Abbiamo cercato di centrare l’equità razziale e l’uguaglianza in ogni proposta di legge che abbiamo presentato “. Ciò include un disegno di legge che elimina il salario minimo ribaltato in Wisconsin ($ 2,33 l’ora) e l’Economic Bill of Justice.

Francesca Hong
Francesca Hong (Foto di Paulius Musteikis)

“È una dichiarazione, è una risoluzione secondo cui ogni persona del Wisconsin ha il diritto a un’assistenza sanitaria e all’istruzione pubblica gratuite e accessibili, a vivere senza discriminazioni, odio, xenofobia, razzismo. Il diritto di contrattare collettivamente, a un alloggio equo, acqua pulita, trasporti pubblici puliti “, ha spiegato Hong. “Sono davvero i nostri valori e il nostro impegno nei confronti del popolo del Wisconsin che sanno che essere in minoranza significa questo [Democrats] potrebbe non avere il potere politico che vorremmo. Siamo impegnati con tutte le persone che si stanno organizzando nelle loro comunità e sul campo. Il loro lavoro verrà riconosciuto e dato credito e che ci impegniamo a combattere con loro “.

Figlia di immigrati coreani, Hong sta anche lavorando per aumentare il coinvolgimento degli elettori nelle comunità AAPI (Asian American Pacific Islander) in tutto il Wisconsin. Hong ei suoi colleghi nell’assemblea statale hanno recentemente approvato un disegno di legge che designa il 14 maggio di ogni anno Giornata dei veterani dell’Hmong-Lao. Hanno anche presentato con successo una petizione al governatore del Wisconsin Tony Evers per dichiarare Maggio AAPI Heritage Month. Ma il lavoro è tutt’altro che finito.

Francesca Hong
Francesca Hong (Foto di Michelle Stocker)

Hong loda i suoi genitori, immigrati in Wisconsin dalla Corea del Sud negli anni ’80 per aver contribuito a stimolare la sua ambizione ea forgiare la sua strada. “Non mi sono mai sentita più vicina a loro e più orgogliosa di essere la loro figlia”, ha detto. “Mia madre, che si era appena sposata e si era appena laureata alla Seoul National University, stava lasciando la sua terra natale per andare con suo marito in una terra completamente nuova. La sua tenacia e perseveranza, stava crescendo io e mia sorella per essere incredibilmente indipendenti e volitivi “.

Sua madre è tornata al college quando le ragazze erano alle elementari e si è laureata in educazione musicale, diventando in seguito un’insegnante di scuola pubblica. Suo padre è un sociologo che ha terminato il dottorato nello stesso periodo. “Per molto tempo ho sentito che il loro sacrificio era qualcosa che dovevo tenere in prima linea per mantenermi umile”, ha spiegato Hong. Ma, in questi ultimi due anni, non so se è perché sono diventato più protettivo nei loro confronti con l’aumento dell’odio anti-asiatico, ma mi candido per una carica e racconto la loro storia e riconosco che la loro storia è davvero ciò che è iniziato mio storia.

“Questo mi ha reso più vicino a loro e non vedo più i loro sacrifici come il mio fardello”, ha detto Hong. “Vedo i loro sacrifici non solo come opportunità per me, ma come tutte le opportunità che stiamo lavorando per creare per altre persone nelle nostre comunità”. Ora è lei stessa la madre di un ragazzino “socievole” di nome Giorgio. George è nato nel 2016, proprio come lei e suo marito, opaco, ha aperto il loro ristorante, Morris Ramen.

“Dico sempre che quell’anno abbiamo guadagnato una famiglia di 24 persone”, ha scherzato Hong. “Quando abbiamo aperto, stavo ancora allattando nel seminterrato del ristorante e stavo pompando quando tornavo a lavorare sulla linea. Ripensandoci ora, avevamo uno staff incredibilmente di supporto che si sarebbe offerto di aiutare con la cura dei bambini e tutto il resto. Ogni volta che George veniva al ristorante erano entusiasti, e mi sento come se fosse davvero cresciuto nel settore della ristorazione. E sono così grato per questo. “

Correre per una carica come madre ha le sue difficoltà, ma Hong incoraggia altre donne a fare il grande passo. “Le persone vogliono che i loro politici riflettano i pensieri, le lotte e gli ambienti in cui lavorano ogni giorno”, ha detto. “E penso che le mamme abbiano questo potere intrinseco per essere in grado di comprendere la cura. E le persone vogliono che i loro politici se ne prendano cura. Penso che le mamme siano impenitenti. E le mamme guidano le loro famiglie ogni giorno. Abbiamo bisogno di una forte leadership e abbiamo bisogno di più mamme in ufficio, e abbiamo sicuramente bisogno di più politiche che supportino le mamme che lavorano e restano a casa “.

Per imparare come voi può candidarsi a una carica o fare donazioni a candidati che la pensano allo stesso modo, visitare Corri per qualcosa. E non dimenticare di VOTARE alle tue prossime elezioni: puoi registrarti per votare, se non l’hai già fatto, semplicemente compilando il modulo sottostante:

Precedente

Danny Masterson: 5 cose da sapere sull’attore che sta per essere processato con l’accusa di stupro

Kylie Jenner nega di essere in una relazione aperta con Travis Scott dopo il viaggio a Disneyland

Successivo

Lascia un commento