Emma Nelson di The Unforgivable rompe quella scena di stallo “intensa” con Sandra Bullock

Emma Nelson ha un ruolo fondamentale nel nuovo film di Netflix “The Unforgivable”. Emma ha parlato ESCLUSIVAMENTE con HL del fatto che Emily sia stata il catalizzatore di quella riunione emotiva, ciò che ha imparato da Sandra Bullock e altro ancora.

L’imperdonabile è il nuovo avvincente dramma di Netflix con protagonista Sandra Bullock come Ruth Slater, una donna che cerca di rientrare nella società dopo aver scontato la pena per aver ucciso un poliziotto. Ruth cerca sua sorella Katie dopo che è stata rilasciata e verità scioccanti vengono alla luce mentre cerca di riconnettersi con sua sorella. Emma Nelson interpreta Emily Malcolm, la sorella di Katie che si rivolge a Ruth nella speranza di aiutare Katie.

Emily viene scambiata per sua sorella maggiore dal figlio dell’uomo che è stato ucciso tanti anni prima. Emily viene rapita e Ruth fa di tutto per salvare l’altra sorella di Katie. Alla fine del film, Ruth e Katie finalmente si riuniscono. HollywoodLife ha parlato ESCLUSIVAMENTE con Emma sul fatto che ci sia mai stata una scena tra Emily e Ruth dopo che Ruth ha salvato la vita di Emily.

Sandra Bullock
Sandra Bullock ed Emma Nelson in “L’imperdonabile”. (Netflix)

“È una buona domanda perché so che è un momento piuttosto intenso che passa alla fine del film con Ruth e Katie”, ha detto Emma. “Ma no, non c’è mai stata davvero alcuna interazione tra loro. Abbiamo filmato altri contenuti in cui esco e poi vengo scortato via dagli agenti di polizia e dalle forze dell’ordine che erano lì. Anche all’inizio non c’era scritto niente. Si tratta solo di Ruth e Katie”.

Anche se non hanno avuto la possibilità di parlare dopo quello stallo quasi disastroso, Emma crede che ci sia un legame “tacito” tra Ruth ed Emily. “Penso che, come abbiamo visto nella scena tra Ruth ed Emily quando Emily stava cercando di ricollegare Katie e Ruth, penso che sia una cosa non detta tra Emily e Ruth”, ha spiegato Emma. “Abbiamo lo stesso legame con Katie dell’altro, quindi penso che sia davvero giusto che Katie e Ruth possano vivere quel momento e, infine, non c’è un comunicatore in mezzo. Non devo fungere da collegamento tra loro. Penso che funzioni il fatto che non ci sia una scena che faccia convergere di nuovo Ruth ed Emily perché si tratta davvero della connessione tra Katie e Ruth alla fine”.

Emma Nelson
Emma Nelson alla premiere di “L’imperdonabile”. (Matt Baron/Shutterstock)

Emma ha notato che il rapimento di Emily è stata “la scena più intensa” che abbia mai girato. “È stato estremamente faticoso dal punto di vista emotivo”, ha ammesso l’attrice. “Parlando con Volere [Pullen] e Sandy in seguito, eravamo tutti d’accordo sul fatto che fosse molto difficile. Era così emotivamente impegnativo. Dovevamo esserci tutti quel giorno. È davvero difficile essere costantemente in quello stato emotivo perché è davvero come sentimenti reali in uno scenario falso. Quelli sono stati i miei ultimi due giorni di riprese, ed ero a Vancouver da circa un mese. Ero davvero pronto a tornare a casa perché non avevamo potuto viaggiare avanti e indietro tra gli Stati Uniti e Vancouver. Ero appena stato lì in un appartamento e mi mancava la mia famiglia. Ricordo che alla fine delle riprese ero allo stremo. Ero coperto di nastro adesivo, e poi con il mio nastro adesivo, ho dovuto mettere un N95 tra le riprese e una visiera. Ero così finito. Ho dovuto essere riregistrato tutto il tempo, e hanno dovuto tagliare il nastro adesivo e capire tutte quelle cose. Andavo in giro con del nastro adesivo intorno alla bocca. Era un ottovolante, ma ricordo che quando l’abbiamo finito, è stato così gratificante. E sapevo che ne era valsa la pena”.

Emma ha avuto l’opportunità di lavorare a stretto contatto con Sandra durante le riprese. Ha rivelato ciò che ha imparato osservando il vincitore dell’Oscar. “Mi sono sentito di più quando stavo attivamente facendo scene con lei”, ha detto Emma HollywoodLife. “Mi è sembrato che quando reciti con qualcuno ed è questa connessione intangibile, ti rendi conto delle cose. Il processo di prova prima di una scena è stata davvero una grande esperienza di apprendimento. Penso che sia un’esperienza davvero unica essere in una stanza, non solo con Sandy come attrice, ma con lei come produttrice e poi regista per poter capire come si presenta il processo di sviluppo di un personaggio. È una creatrice e un’attrice così incredibile. Ho imparato molto sullo sviluppo di un personaggio e su cosa serve per mettere insieme un progetto come questo dall’interno verso l’esterno”.

Quando Ruth e Katie hanno la possibilità di rivedersi dopo 20 anni, c’è uno scambio di sguardi tra Ruth e i genitori di Katie. Dopo aver cercato disperatamente di tenere Katie lontana da Ruth, ora sanno che Ruth dovrebbe essere nella vita di Katie. “Penso che ci sia un po’ di quella silenziosa realizzazione nel momento tra Ruth e Katherine alla fine, quando sono finalmente in grado di vedersi, e poi vediamo la reazione dei miei genitori. Penso che sia un tipo di comprensione non detta che questo è qualcosa che doveva accadere per Katie”, ha detto Emma.

Emma Nelson
Emma Nelson interpreta Emily Malcolm. (Netflix)

La svolta più scioccante e straziante arriva alla fine del film, quando viene rivelato che Ruth non ha ucciso il poliziotto. Katie ha sparato accidentalmente al poliziotto e Ruth si è presa la colpa per sua sorella. “Quel momento rende l’intero film molto più straziante a causa di ciò che Ruth deve sopportare per un crimine che non ha commesso”, ha osservato Emma. “Penso che aggiunga questo pugno nello stomaco. Ci rendiamo conto che per tutto il tempo le persone l’hanno trattata così male e che l’ha presa solo per il suo amore per sua sorella. È straziante”. L’imperdonabile è ora in streaming su Netflix.

Lascia un commento

Este sitio web utiliza cookies para que usted tenga la mejor experiencia de usuario. Si continúa navegando está dando su consentimiento para la aceptación de las mencionadas cookies y la aceptación de nuestra política de cookies, pinche el enlace para mayor información.plugin cookies

ACEPTAR
Aviso de cookies