Electronic Duo OYLS Team con Danny Trejo per raccontare una storia su malattie mentali e dipendenza in un nuovo video

| |

Nell’emozionante immagine di OYLS per “Netflix (Your Product Is Too Good)”, Danny Trejo sposa la “mascolinità” con la “vulnerabilità” per mostrare la lotta contro la malattia mentale.

OYLS si definiscono un “duo musicale consapevole del profitto”, e c’è molto cuore per andare con la coscienza dietro questo atto elettronico con sede a LA. L’ultimo esempio è arrivato oggi (13 aprile) con “Netflix (Your Product Is Too Good)”, il video musicale più recente del duo. Tratto dal loro album più recente, OYLS (per vostra considerazione) e diretto da Nicole Lipp, “Netflix” vede l’attore e l’icona della cultura pop Danny Trejo in un punto buio, con i pantaloni della tuta sciolti intorno alla vita e un sacchetto di popcorn per microonde al suo fianco sul letto del motel. Mentre la canzone suona (“A volte mi perdo / a volte perdo / Sono le 4 del mattino e mi sto abbuffando di spettacoli / Sono un perdente / Pessimo controllore, sono fuori controllo / Quando perdo me stesso. “)

“Netflix (Your Product Is Too Good)” trova il tono visivo perfetto per la canzone, con una produzione minimalista che consente di concentrarsi sul testo della canzone e, quindi, sul suo messaggio. È un banger se una melodia elettronica che vanta una profonda autointrospezione, unita a un’osservazione su come il consumo infinito di media può essere dannoso come qualsiasi altra dipendenza fisica, potrebbe essere un banger.

OYLS, per la vostra considerazione (OYLS)

Vedere Danny in preda alla depressione è un’immagine sorprendente e quella della band conosceva dovevano avere per questo. “Fin dall’inizio sapevamo di volere Danny per questo video musicale”, OYLS racconta HollywoodLife. “Il video [and] la canzone parla di malattie mentali e dipendenza e volevamo rappresentare la vulnerabilità in qualcuno che è l’epitome della forza e della mascolinità “.

Danny Trejo nel nuovo video di OYLS (OYLS)

Ci è voluto un po ‘per realizzare questa collaborazione, nonostante la prolifica produzione di Trejo. “Abbiamo iniziato a cercare di corteggiare Danny un anno e mezzo fa”, condivide la band HollywoodLife. “Ha un sacco di ristoranti a Los Angeles e quindi andavamo a mangiare da Trejo’s Tacos sperando spesso di incontrarlo. Tutto questo prima della pandemia. Purtroppo non abbiamo mai avuto fortuna. Quindi abbiamo contattato il suo agente e le abbiamo parlato della nostra visione per il video. Era molto ricettivo al concetto e amava che i proventi andassero a MusiCares. Ha un cuore gigantesco e ama davvero sostenere la comunità “.

“Netflix (Your Product Is Too Good)” non è solo un video musicale, è il terzo episodio di una serie di video senza interruzioni soprannominata “Pop Opera” visiva. Il primo, “Visa (Paid For My Parking Ticket)” è arrivato a novembre 2020, con “Instagram (You Remind Me I’m Worthy)” in arrivo un mese dopo. Il prossimo nella sequenza (supponendo che seguano la tracklist su OYLS (per vostra considerazione) sarà “Zoloft (Makes Me Comfortable)”, “AppleCare (Doesn’t Cover Arson)”, “The New York Times (Sold Me A Mattress)” e “Comcast (Thanks for you Patience)” in due parti completando il pieno Per la tua considerazione Esperienza.

OYLS si impegna a mantenere l’etichetta “consapevole”. Il duo ha venduto spazio sul loro Per la tua considerazione copertina dell’album che chiunque può acquistare, con i profitti che vanno a MusicCare, l’org senza scopo di lucro che assiste i musicisti alle prese con la malattia mentale. “Speriamo di avere un impatto sul discorso che circonda la malattia mentale”, ha detto la band in una dichiarazione. “È un argomento così stigmatizzato, ma così tanti soffrono quotidianamente che in realtà non dovrebbe esserlo. Si spera di poter contribuire a realizzare questo cambiamento “.

Precedente

Barack Obama si unisce a Kim K. e altre celebrità mentre piange Daunte Wright dopo la sparatoria: “ I nostri cuori sono pesanti ”

Shonda Rhimes ammette di essere rimasta “scioccata” dalla reazione all’uscita di Regé-Jean Page: “Una stagione” era “Il piano”

Successivo

Lascia un commento