Beyonce piange mentre scrive la storia dei Grammy e diventa l’artista con il maggior numero di vittorie di tutti i tempi

| |

Beyonce ha fatto la storia! La cantante di “Black Parade” ha appena vinto il suo 28 ° Grammy, rendendola la performer più decorata di sempre!

28. Quello era il numero magico che Beyoncé vinto durante i Grammy Awards del 2021. Portandosi a casa il premio per la migliore performance R&B, Beyoncé ha vinto il suo 28 ° Grammy, rendendola la cantante più decorata – maschio o femmina – nella storia dei Grammy. All’inizio della notte, ha legato Alison Kraus per la maggior parte dei Grammy vinti da un’artista donna (dopo lei e Megan Thee Stallion ha vinto la migliore canzone rap per il remix di “Savage”.) Quel legame non è durato tutta la notte, poiché Beyoncé ora si è affermata come il icona della musica, il leggenda vivente, il il più grande artista musicale nella storia dei Grammy. (E all’inizio della notte, sua figlia, Blue Ivy Carter, ha vinto sua primo Grammy, per il video musicale “Brown Skinned Girl”.)

Questo è un momento fantastico, positivo che molti non si aspettavano di vedere, considerando tutto il dramma andando in Grammy di quest’anno. Prima della cerimonia del 2021, la storia parlava di come Il fine settimana è stato escluso da tutte le categorie nonostante il successo e la popolarità del suo album Dopo oree il suo singolo “Blinding Lights”. Dopo aver appreso che non ha ottenuto una sola nomination, The Weeknd ha definito la Recording Academy “corrotta” e che avevano bisogno di maggiore “trasparenza” nel processo di nomina.

“C’è stato un numero record di candidature in questo anno insolito e competitivo. Capiamo che The Weeknd sia deluso di non essere stato nominato ”, il presidente ad interim della Recording Academy Harvey Mason Jr detto Varietà nel novembre 2020. “Per essere chiari, le votazioni in tutte le categorie si sono concluse ben prima che la performance di The Weeknd al Super Bowl fosse annunciata, quindi non avrebbe potuto in alcun modo influenzare il processo di nomina”.

In risposta allo sgarbo, l’amico di The Weeknd Drake scrollò le spalle e suggerì che i Grammy venissero sostituiti. “Penso che dovremmo smetterla di lasciarci scioccare ogni anno dalla disconnessione tra musica d’impatto e questi premi e accettare semplicemente che quella che una volta era la più alta forma di riconoscimento potrebbe non avere più importanza per gli artisti che esistono ora e per quelli che verranno dopo “, Ha scritto in una Instagram Story, per Variey. “È come un parente che continui ad aspettarti di sistemare ma non possono cambiare i loro modi. L’altro giorno, ho detto [The Weeknd] era un blocco per entrambi gli album dell’anno insieme a innumerevoli altri presupposti ragionevoli e non è mai andata così. Questo è un ottimo momento per qualcuno per iniziare qualcosa di nuovo che possiamo costruire nel tempo e trasmettere alle generazioni a venire “.

Apparentemente non correlato, Zayn Malik è andato ai Grammy in una serie di tweet espliciti. F-ck i Grammy e tutti gli associati. A meno che tu non stringa la mano e invii regali, non ci sono considerazioni sulla nomina. L’anno prossimo ti manderò un cesto di dolciumi ”, ha pubblicato su Twitter il 9 marzo. Successivamente ha chiarito. “Il mio tweet non era personale o sull’idoneità, ma riguardava la necessità di inclusione e la mancanza di trasparenza del processo di nomina e lo spazio che crea e consente ai favoritismi, al razzismo e alla politica di rete di influenzare il processo di voto”. Tuttavia, ore prima dello spettacolo, ha attaccato di nuovo i Grammy. “@Recordingacad si sta muovendo in pollici e dobbiamo spostarci in miglia. Continuo la pressione e combatto per la trasparenza e l’inclusione. Dobbiamo assicurarci di onorare e celebrare l ‘”eccellenza creativa” di TUTTI. Termina i comitati segreti. Fino ad allora … # f-ckthegrammys “

Precedente

Cardi B Pole balla e si scatena con Megan Thee Stallion per la performance selvaggia di “WAP” ai Grammy

Taylor Swift ringrazia Joe Alwyn dopo essere diventata la prima donna a vincere 3 volte l’album dell’anno ai Grammy

Successivo

Lascia un commento