Home » Gossip e TV » Mark Zuckerberg contro Elon Musk: la rivalità si infiamma con l'app Threads di Meta che conquista 5 milioni di utenti in poche ore di lancio

Mark Zuckerberg contro Elon Musk: la rivalità si infiamma con l'app Threads di Meta che conquista 5 milioni di utenti in poche ore di lancio

L'app Threads di Mark Zuckerberg è stata lanciata con grande successo, attirando due milioni di iscritti nelle prime due ore dopo il suo lancio. L'app, descritta come il "killer di Twitter", è un diretto concorrente della piattaforma di social media di Elon Musk. Threads mira a creare uno spazio aperto e cordiale per la conversazione, offrendo agli utenti la possibilità di condividere aggiornamenti e partecipare a discussioni. Tuttavia, alcuni utenti hanno espresso critiche sulla mancanza di alcune funzionalità e sulla semplice interfaccia dell'app. Nonostante ciò, Threads ha sicuramente attratto l'attenzione di molti, evidenziando la continua competizione tra le principali piattaforme di social media.

Di cosa parliamo in questo articolo...

  • Lancio ufficiale dell'app Threads di Mark Zuckerberg
  • Due milioni di persone si sono iscritte nelle prime due ore
  • Threads è un concorrente diretto di Twitter
  • La piattaforma è disponibile negli store di Apple e Android in più di cento paesi
  • È collegata a Instagram, ma richiede un account separato per chi non ne ha già uno
  • Post limitati a 500 caratteri e possono includere collegamenti, foto e video
  • Lancio anticipato a causa delle lamentale su Twitter
  • Recensioni miste sull'app: apprezzamenti per l'interfaccia, alcune funzionalità criticate
  • Alcuni utenti lamentano la mancanza di elementi di base presenti su Twitter
  • Continuano a circolare voci su un possibile combattimento tra Zuckerberg e Musk

L'h2 è stato ottimizzato per la seo.

L'app Threads di Mark Zuckerberg ha appena fatto il suo debutto ufficiale, con ben due milioni di utenti registrati nelle prime due ore dopo il lancio. Questa nuova app viene spesso definita come "il killer di Twitter" in quanto rappresenta un vero e proprio concorrente per la piattaforma di social media di Elon Musk. Mark Zuckerberg ha pubblicato il suo primo post su Threads scrivendo: "Facciamolo". L'imprenditore ha poi aggiunto un caloroso "Benvenuti su Threads" accompagnato da un emoji a forma di fuoco. Zuckerberg ha dichiarato che oltre due milioni di persone si sono iscritte a Threads nelle prime due ore, ma solo poche ore dopo ha aggiornato il numero dicendo che erano già più di cinque milioni gli utenti registrati. Secondo quanto riportato, l'app è attualmente disponibile sia su Apple che su Android in oltre cento paesi.

Threads è stata ufficialmente presentata attraverso un annuncio sul profilo Twitter di Instagram nel quale si legge: "Threads è qui - una nuova app dove puoi condividere aggiornamenti e unirti alle conversazioni. Accedi tramite il tuo account Instagram e inizia". Il fondatore di Facebook ha anche pubblicato una serie di post sulla piattaforma affermando: "Sono felice di avervi qui nel primo giorno. Stiamo costruendo insieme qualcosa di straordinario!". L'obiettivo di Threads è quello di creare uno spazio pubblico aperto e accogliente per la conversazione, cercando di combinare il meglio di Instagram in un'esperienza completamente nuova per il testo, le idee e le discussioni che ognuno ha in mente. Un vantaggio di Threads è che gli utenti che già possiedono un account Instagram non dovranno aprire un account separato per accedere alla piattaforma. Tuttavia, coloro che non hanno un account Instagram dovranno crearne uno per potersi iscrivere a Threads. Inoltre, l'app è stata descritta come una combinazione del dashboard di Twitter e della sezione commenti di Instagram.

I post su Threads sono limitati a 500 caratteri, il che è più dei 280 caratteri consentiti su Twitter. Gli utenti possono includere link, foto e video di durata fino a cinque minuti. I thread individuali appaiono nel feed principale dell'app, dove possono essere apprezzati, condivisi e a cui si può rispondere. Il lancio di Threads era inizialmente previsto per il mese successivo, ma è stato anticipato a sorpresa. Questo è accaduto mentre numerosi utenti di Twitter si lamentavano della leadership di Musk e dei continui cambiamenti apportati alla piattaforma.

Diversi utenti di Threads hanno già condiviso le loro opinioni sull'applicazione. "Mi piace l'interfaccia della nuova app", ha commentato una persona su Twitter. "Twitter potrebbe finalmente essere finito, LOL", ha aggiunto un altro utente. Altri, invece, hanno criticato alcune funzionalità dell'app. Ad esempio, la deputata democratica del Congresso di New York, Alexandria Ocasio-Cortez, ha riferito che l'app si è bloccata mentre stava scrivendo un post. "Sono stata su Threads per cinque minuti, ma sembra che la mia app si sia bloccata", ha twittato. "È successo appena ho pubblicato un lungo post con consigli sul cibo a Queens". Un altro utente ha detto di aver già cancellato il suo account Threads, ma nel processo ha dovuto chiudere anche il suo account Instagram. Emily Hughes ha twittato: "Ho disattivato il mio account Threads, ma sembra che non si possa cancellare l'account Threads senza cancellare anche l'account Instagram, quindi forse non iscrivetevi!". Inoltre, alcuni utenti hanno lamentato la mancanza di alcune funzionalità di base che sono presenti su Twitter da anni. "È molto simile a Twitter, ma senza gli argomenti di tendenza. Dopo 17 anni, c'è ancora bisogno di avvicinamenti", ha commentato un utente. "L'app manca di molte funzioni, è troppo semplice e non funziona bene", ha criticato un altro. "Non si possono cercare i post e non si possono visualizzare in ordine cronologico. Ha un grande potenziale, ma non è ancora l'alternativa a Twitter di cui abbiamo bisogno", ha lamentato un utente. Infine, un utente ha chiesto: "Sembra fantastico finora, ma perché non c'è un feed che mi consente di vedere solo i post delle persone che seguo? Non voglio una serie di suggerimenti casuali di thread, voglio solo vedere le cose delle persone che seguo, come su Twitter".

L'app Threads è stata lanciata mentre continuano circolare voci su una futura sfida di combattimento tra Zuckerberg e Musk, anche se non ci sono ancora date o una località ufficiale per questo evento.

"La tecnologia è solo uno strumento. In termini di ottenere i bambini a lavorare insieme e motivati, l'insegnante è il più importante". - Bill Gates

L'arrivo di Threads di Mark Zuckerberg sul mercato delle piattaforme social ha suscitato grande attenzione e aspettative. L'app, considerata il "killer di Twitter", si è assicurata un'enorme base di utenti già nelle prime ore dopo il lancio. La sua integrazione con Instagram ha portato vantaggi evidenti, ma l'app è ancora lontana dall'essere considerata l'alternativa a Twitter di cui molti utenti hanno bisogno. Le critiche sulla mancanza di funzionalità di base e la necessità di aprire un account Instagram per accedere a Threads hanno fatto sorgere dubbi sulla sua reale efficacia. Tuttavia, il successo iniziale dimostra che c'è ancora spazio per nuove piattaforme di social media, anche se l'elemento umano e l'interazione insegnante-studente rimangono i veri protagonisti nel mondo digitale.

L'app Threads di Mark Zuckerberg: oltre 2 milioni di iscritti nelle prime due ore

Lanciare una nuova app è sempre un'impresa complessa e avvincente, e l'app Threads sembra aver suscitato un forte interesse fin dall'inizio. Con milioni di iscritti nelle prime ore, sembra che questa piattaforma abbia il potenziale per diventare una valida alternativa a Twitter. Tuttavia, come accade spesso, ci sono state anche alcune critiche riguardo ad alcune funzionalità e al funzionamento complessivo dell'app. È importante ricordare che ogni nuova app ha bisogno di tempo per svilupparsi e migliorarsi, quindi potremmo vedere migliorie nel prossimo futuro. Ad ogni modo, sarebbe interessante sapere cosa ne pensa il lettore di questa nuova app. Ha già provato Threads? Quali aspetti apprezza e quali pensa che abbiano bisogno di miglioramenti?