Home » Gossip e TV » La mia nonna mi ha fatto body shaming solo quattro settimane dopo aver partorito: incredibile!

La mia nonna mi ha fatto body shaming solo quattro settimane dopo aver partorito: incredibile!

L'articolo parla di Rachel, una neo mamma che è stata vittima di body-shaming da parte della sua nonna solo quattro settimane dopo il parto. Rachel ha condiviso la sua esperienza su TikTok, dove ha ricevuto supporto da altre persone che hanno vissuto situazioni simili. Il body-shaming da parte della famiglia è un problema comune e Rachel ha sottolineato come sia legato al trauma generazionale. L'articolo affronta l'importanza di supportare e rispettare le nuove mamme e come il body-shaming può avere un impatto significativo sulla loro autostima e benessere mentale.

Di cosa parliamo in questo articolo...

  • Rachel è stata oggetto di body-shaming da parte della sua nonna dopo aver partorito
  • Altri utenti hanno condiviso storie simili di body-shaming da parte delle loro nonne
  • Si fa riferimento al trauma generazionale legato all'immagine del corpo
  • Le nuove mamme vengono elogiate per la loro forza e bellezza
  • Si esprime dispiacere per il fatto che il commento sia venuto dalla famiglia

La difficoltà delle nuove mamme nel tornare in forma dopo il parto

È ben noto a chiunque abbia avuto un bambino che ci voglia del tempo per far tornare il corpo alla normalità dopo il parto. Quindi pensate alla sorpresa di Rachel quando, solo quattro settimane dopo aver dato alla luce il suo bambino, è stata vittima di body-shaming da parte di sua nonna. Rachel ha deciso di condividere la sua esperienza su TikTok, pubblicando un video che mostrava il suo profilo laterale. "Mia nonna ha detto ieri sera che ho la pancia grassa", ha scritto "Ho partorito quattro settimane fa". Inoltre, nella didascalia ha aggiunto: "E questo è legato al trauma generazionale". I commenti al video si sono riempiti rapidamente di persone che hanno voluto esprimere la propria opinione sulla situazione di Rachel, molte di loro hanno raccontato storie simili vissute con le loro nonne.

"Mia nonna mi ha detto l'ultima volta che l'ho visitata che non posso tornare da lei finché non perdo 30 kg (60 libbre)", ha scritto qualcuno. "Non la visito più". Un altro commento citava una situazione analoga: "Mia nonna ha detto a mia sorella che se perdesse altri 10 chili sarebbe perfetta". Rachel ha risposto confermando che questa è una tendenza tipica della sua generazione. Altri utenti hanno anche condiviso la loro esperienza: "Mia nonna mi ha detto che avrei dovuto perdere peso durante la gravidanza (avevo solo preso 10 libbre a causa dell'ipersialorre) poiché lei ha preso pillole per dimagrire durante la gravidanza..." ha scritto qualcun altro. "Mia bisnonna ha 96 anni e dice ancora che mia zia sta ingrassando - è esilarante". Un altro utente ha aggiunto: "Mia nonna mi confrontava sempre con mia cugina naturalmente magra dicendo che non avrei trovato un marito perché ero troppo grassa". Altri hanno parlato del comportamento delle loro nonne nelle diete restrittive fin dall'infanzia e di quanto sia stata importante per loro l'immagine corporea.

Infine, c'è stato un commento che rivolgeva l'attenzione alle nuove mamme: "Le nuove mamme sono incredibili! Mi dispiace che il commento sia venuto dalla famiglia". Questo commento sottolinea il fatto che le mamme appena partorite dovrebbero essere celebrate per la loro forza e coraggio, anziché subire critiche sul proprio aspetto fisico. È importante ricordarsi di questi episodi per favorire una maggiore comprensione e supporto per tutte le donne che stanno attraversando il periodo post-parto. Inoltre, è fondamentale evitare giudizi e critiche sul body-shaming, incoraggiando invece la positività del corpo e l'accettazione di sé stesse.

"Se le parole sono fuoco, allora anche gli sguardi possono uccidere", recita un vecchio proverbio italiano. E purtroppo, anche quando le parole provengono da una persona cara come una nonna, possono ferire profondamente. Il body-shaming post-partum è un problema molto diffuso che colpisce molte donne e che spesso viene sottovalutato. Rachel ha avuto il coraggio di condividere la sua esperienza sui social media, dimostrando che questa forma di violenza verbale non ha età e che il cambiamento deve partire anche dalle nostre famiglie. Dobbiamo educare, informare e celebrare il corpo delle nuove mamme anziché giudicarlo. Le nuove mamme sono veramente incredibili e meritano supporto e amore, invece di critiche meschine.

Il corpo post-parto: il body-shaming dei familiari che colpisce Rachel e molte altre mamme

È davvero triste vedere come la body shaming possa ancora accadere, specialmente quando proviene da familiari come nonni che supponiamo dovrebbero sostenerci e amarci incondizionatamente. È importante ricordare che ogni corpo è unico e ha un suo percorso post-parto diverso. Ogni donna merita di sentirsi bella e rispettata in ogni fase della sua vita, compreso il periodo dopo la gravidanza.

Ciò solleva la domanda di come possiamo educare le generazioni precedenti a essere più consapevoli e compassionevoli verso le nuove mamme e i loro corpi. Come possiamo rompere il ciclo del body shaming e promuovere l'accettazione di sé e del proprio corpo?

Ti è mai capitato di essere oggetto di body shaming o di averne sentito parlare? Come pensi che possiamo affrontare questa problematica nel modo migliore?