Home » Gossip e TV » "Sconvolgente notizia: le bollette dell'energia diminuiranno di altri £96 per milioni di persone quest'anno - ecco tutto quello che devi sapere"

"Sconvolgente notizia: le bollette dell'energia diminuiranno di altri £96 per milioni di persone quest'anno - ecco tutto quello che devi sapere"

Le bollette energetiche dovrebbero scendere nuovamente, portando speranza a milioni di famiglie in difficoltà finanziarie. Secondo gli esperti, i prezzi dovrebbero diminuire sotto i 2.000 euro l'anno a partire da ottobre. Tuttavia, è importante notare che i prezzi dell'energia saranno esaminati nuovamente entro la fine dell'anno, quindi potrebbero subire ulteriori cambiamenti nel gennaio 2024. Nel frattempo, è consigliabile esplorare alternative che possano proteggere i consumatori e garantire prezzi energetici equi e trasparenti per tutti. Una possibile opzione è sottoscrivere un'offerta fissa che offre certezza sui costi energetici. Inoltre, ci sono vari programmi e sussidi offerti dai fornitori di energia per aiutare le famiglie in difficoltà finanziarie.

Di cosa parliamo in questo articolo...

  • Le bollette energetiche dovrebbero scendere sotto i 2.000 euro all'anno
  • Il risparmio medio per ogni famiglia sarà di ulteriori 96 euro all'anno
  • Il cap della tariffa tornerà in vigore dopo la scadenza del programma governativo
  • Il prezzo dell'energia sarà esaminato nuovamente entro la fine dell'anno
  • Le bollette medie diminuiranno da 2.074 euro all'anno a 1.978 euro all'anno da ottobre

Bollette energetiche in calo: nuove speranze per le famiglie

Le famiglie in difficoltà finanziarie possono finalmente respirare un po' di sollievo, poiché le bollette energetiche dovrebbero scendere nuovamente entro la fine dell'anno. Secondo una previsione aggiornata degli esperti di Cornwall Insight, si prevede che le bollette scendano sotto i 2.000 euro all'anno a partire da ottobre. Questo comporterebbe un risparmio medio di altri 96 euro all'anno per ogni famiglia.

Da sabato 1° luglio, le tariffe diminuiranno di 426 euro all'anno, facendo scendere la spesa media annuale da 2.404 a 1.978 euro. Tuttavia, è importante sottolineare che il prezzo dell'energia sarà rivisto nuovamente entro la fine dell'anno, ad ottobre. Le previsioni attuali indicano una diminuzione delle bollette medie da 2.074 a 1.978 euro all'anno da ottobre. Successivamente, si prevede un leggero aumento a 2.004 euro all'anno da gennaio 2024, ma comunque sotto i prezzi medi stabiliti dal cap del luglio 2023 della Ofgem.

È importante notare che queste previsioni si riferiscono al costo previsto per chi ha una tariffa doppia e paga tramite addebito diretto. A partire da luglio, coloro che pagano con altri metodi avranno tariffe simili a quelle di chi paga con addebito diretto. Questo è il risultato della decisione del governo di porre fine alla "soprattassa" per i pagamenti anticipati. Tuttavia, chi paga con carta di credito, carta di debito, assegno o bonifico dovrà tenere conto dei costi di elaborazione più elevati da parte del fornitore.

Secondo il dott. Craig Lowrey, consulente principale presso Cornwall Insight, questa riduzione delle previsioni del prezzo medio delle bollette riflette gli sforzi della Ofgem per adeguarsi ai nuovi modelli di consumo energetico delle famiglie tipiche, che tendono a ridurre il consumo di energia in risposta ai prezzi elevati.

Nonostante queste previsioni possano fornire qualche indicazione ai consumatori, è importante esplorare alternative che possano garantire prezzi energetici equi, promuovere la competizione leale e proteggere i consumatori. Tariffe sociali, iniziative per l'efficienza energetica e altre possibilità dovrebbero essere considerate come priorità.

Alcune famiglie potrebbero essere incoraggiate a sottoscrivere un'offerta di energia fissa per garantire una maggiore certezza sui costi energetici, poiché il cap del prezzo può variare ogni tre mesi. Tuttavia, è fondamentale valutare attentamente le diverse opzioni disponibili.

Infine, è importante ricordare che i fornitori energetici offrono numerosi sussidi e programmi di assistenza per coloro che si trovano in difficoltà finanziarie. È possibile consultare l'elenco dei programmi attualmente aperti e verificare se si è idonei a beneficiarne.

In conclusione, nonostante le bollette energetiche stiano calando e siano previsti ulteriori risparmi, è essenziale verificare le fonti e prendere in considerazione tutte le possibili opportunità per garantirsi prezzi equi e trasparenti. La situazione delle bollette resta ancora molto elevata rispetto ai livelli storici, quindi è necessario esplorare tutte le opzioni disponibili per proteggere i consumatori.

"In economia ciò che non puoi fare nelle vacche grasse, devi farlo nelle vacche magre" (John Maynard Keynes). Le famiglie in difficoltà finanziarie possono finalmente respirare: le bollette energetiche dovrebbero scendere entro la fine dell'anno, con un risparmio medio di ulteriori 96 euro all'anno. Se da una parte questa notizia porta speranza, dall'altra restano ancora molti interrogativi sul prezzo dell'energia e sulle politiche adottate. Le tariffe continueranno a cambiare e il governo dovrebbe trovare alternative che proteggano i consumatori e garantiscano prezzi equi per tutti. La certezza di sottoscrivere un'offerta fissa potrebbe essere una via d'uscita per molte famiglie. Nel frattempo, è importante conoscere i vari programmi e sussidi offerti dai fornitori di energia per aiutare chi si trova in difficoltà.

Bollette energetiche in calo: nuove previsioni per la fine dell'anno

Le previsioni di una diminuzione delle bollette energetiche rappresentano una buona notizia per molte famiglie che si trovano in difficoltà finanziarie. Tuttavia, è necessario affrontare il problema di bollette che rimangono ancora molto al di sopra dei livelli storici. È importante esplorare alternative per proteggere i consumatori, promuovere una competizione leale e garantire prezzi energetici equi e trasparenti per tutti. Tariffe sociali, iniziative per l'efficienza energetica e altre possibilità dovrebbero essere prese in considerazione. La frequenza dei cambiamenti del cap potrebbe spingere alcune famiglie a cercare offerte fisse che offrano maggiore certezza. Qual è la tua opinione su questo argomento? Hai utilizzato o utilizzato programmi di sussidi energetici offerti dai fornitori?